Video del nō “Shōjō” con sottotitoli in italiano

The video of Udaka Tatsushige’s full performance of the nō play Shōjō with English and Italian subtitles is now available online.

Sono molto felice di condividere con voi il video completo del nō Shōjō (猩々), con sottotitoli in inglese e in italiano! La performance e’ prodotta da Udaka Tatsushige e Norishige, ed e’ stata filmata nell’autunno del 2020 presso il teatro della Scuola Kongō, a Kyoto. Il ruolo di protagonista (shite) e’ interpretato da Udaka Tatsushige.

In occasione della pubblicazione di questo video ho avuto il piacere di tradurre il testo del nō e ho deciso di approfittarne per studiare questo brano approfonditamente. Spero di poter pubblicare presto i risultati della mia piccola ricerca in italiano. Anche un dramma breve e apparentemente semplice come Shōjō e’ in realtà molto denso di significati e ricco rimandi a leggende e tradizioni. Purtroppo il formato “video con sottotitoli” non permette di aggiungere le note, supporto indispensabile per apprezzare appieno la molteciplità di significati che ciascun verso contiene. Nella mia traduzione ho cercato di rendere il testo comprensibile anche senza un apparato critico. Aggiungo una breve introduzione e vi auguro buona visione! (Non dimenticate di attivare i sottotitoli in italiano. Se non sapete come fare, leggete qui).

La storia del nō Shōjō è ambientata nella Cina della Dinastia Tang (secoli VII-X). Un uomo di nome Kōfu vive alle pendici del monte Kanekin, nei pressi del villaggio di Yōzu. Kōfu racconta di essere molto devoto ai suoi genitori – la pietà filiale (kōkō 孝行) è una delle virtù centrali del pensiero Confuciano, fondamento etico della società giapponese. Kōfu riceve in sogno un oracolo nel quale i genitori gli suggeriscono di andare al mercato e vendere il sakè. Lui segue diligentemente il consiglio dei genitori, apre un negozio di vino, e si arricchisce. A un certo punto, un misterioso avventore prende a visitare il negozio di Kōfu. Dice di essere “Shōjō” e di venire dal mare. Incuriosito, Kōfu si reca alla baia e attende la nuova venuta di Shōjō, il quale presto emerge dall’acqua. Kōfu e Shōjō bevono insieme, elogiando le virtù del sakè, e Shōjō celebra questo incontro con una danza. Infine, Shōjō premia Kōfu donandogli una giara di vino inesauribile, prova della sua virtù e allo stesso tempo, in termini più pragmatici, assicurazione di prosperità economica per i suoi discendenti.

Fra i molti temi che varrebbe la pena commentare, vorrei soffermarmi brevemente sull’associazione fra sakè e crisantemi, ricorrente nel testo di questo nō. Secondo una tradizione di origine cinese, durante la notte i fiori di crisantemo venivano coperti da pezze di cotone per poter raccogliere la rugiada depositata su di essi il mattino seguente. Si credeva che cospargersi il corpo con questa rugiada profumata potesse allungare la vita o curare le malattie. Questo rito veniva svolto il nono giorno del nono mese del calendario lunare. Tale giorno, noto come chōyō no sekku, era una delle cinque festività stagionali. [1] Nel periodo Heian (secoli VIII-XII) l’aristocrazia giapponese usava festeggiare questo giorno con un banchetto durante il quale si beveva sakè nel quale erano stati immersi fiori di crisantemo. La festa divenne quindi associata al sakè, ma anche alla stagione della raccolta del riso, con il quale si prepara questo vino. [2] Il crisantemo e la luna, simbolo di purezza e di sincerità, sono elementi tradizionalmente associati all’autunno. Il colore rosso, che caratterizza il costume di Shōjō, allude non solo al suo possibile stato di ebrezza, ma anche ai colori del fogliame autunnale. La veste interna surihaku e la gonna-pantalone hakama sono decorate con motivi di onde in oro su fondo rosso, mentre il kimono broccato karaori è ricco di motivi floreali fra cui sono evidenti, appunto, crisantemi di vari colori.


[1] Il significato simbolico della data e’ il seguente: il numero 9, segno dispari, quindi “positivo” (yang) e indivisible e’ il numero a singola cifra più grande. La ripetizione del 9 rende il nono giorno del nono mese il giorno più “yang” dell’anno.

[2] Questa leggenda compare in un altro nō, Kiku jidō (o Makura jidō).

4 thoughts on “Video del nō “Shōjō” con sottotitoli in italiano

  1. Thank you so very much for this.
    All best wishes and please stay well,
    Douglas Penick
    ________________________________

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.